INSETTI VOLANTI

ZANZARE TIGRE – PALERMO

(Aedes albopictus)

La zanzara tigre, diversamente da altre specie, è attiva anche durante il giorno e non soltanto all’alba o al tramonto.
Punge molto rapidamente la vittima riuscendo poi a fuggire velocemente e la individua mediante il rilevamento dell’anidride carbonica emessa, le sostanze organiche prodotte e dai segnali visivi.
La femmina è in grado di deporre le uova in piccoli contenitori con poca quantità di acqua come vasi, sottovasi, pozzanghere di acqua stagnante, fognature otturate, grondaie, recipienti di scarto e altro ancora…
Il raggio di azione della zanzara tigre è strettamente legato al luogo dove ha deposto le uova (circa 200 metri), quindi gli eventuali ristagni d’acqua usati dalle zanzare per la deposizione si trovano vicino alla zona infestata dalle zanzare adulte.

Qual è il loro habitat?

La zanzara tigre è originaria di zone tropicali ma da qualche anno è riuscita ad adattarsi anche a regioni più fredde. Nelle zone tropicali calde ed umide la zanzara è attiva tutto l’anno. Le uova deposte nelle zone temperate resistono meglio al freddo, rispetto a quelle presenti nelle regioni più calde.

La zanzara tigre adulta riesce a sopravvivere durante l’inverno in microhabitat adeguati.

Quali sono le abitudini alimentari?

Solo le femmine di zanzara tigre hanno necessariamente bisogno di nutrirsi di sangue per la produzione delle uova arricchendo il loro fabbisogno energetico con nettare ed altri succhi vegetali, mentre i maschi si nutrono solamente di nettari e succhi vegetali.

Il suo ciclo biologico?

Il ciclo biologico della zanzara tigre è costituito da:

  • Uovo (si schiude da primavera in poi quando le temperature medie superano i 10°)
  • Larva (matura in circa 10 giorni e vive 2 settimane)
  • Larva (matura in circa 10 giorni e vive 2 settimane)
  • Adulto

La femmina depone dalle 50 alle 80 uova ogni deposizione. Con la temperatura ottimale si schiudono nell’arco di 24 ore mentre in inverno possono entra in una sorta di letargo e resistere così da resistere alle temperature rigide. Per lo sviluppo larvale sono sufficienti piccoli ristagni di acqua. In un anno si posso avere fino a 12 generazioni.
In piena estate l’intero ciclo, uova-larva-adulto, può durare anche solo dieci giorni.

Quali sono i danni provocati all’uomo?

La zanzara tigre, per diversi motivi, ha l’abitudine di interrompere il suo pasto di sangue prima ancora di aver ingerito la quantità necessaria allo sviluppo delle uova. Quindi, sostanzialmente, la zanzara punge più di un ospite durante il ciclo della riproduzione delle uova. Considerando che gli ospiti punti appartengono a specie diverse, la zanzara tigre si presenta particolarmente capace di trasmettere malattie da una specie all’altra, come per esempio la dirofilariasi dal cane all’uomo.

Come prevenire le punture di zanzare?

Per evitare di essere punti dalle zanzare vanno adottati alcuni accorgimenti giusti ad evitare o quantomeno di ridurre il contatto zanzare/uomo, che vanno dall’abbigliamento all’utilizzo di repellenti disponibili in commercio, da usare seguendo però scrupolosamente le istruzioni.

Come prevenire le infestazioni?

Le zanzare prima di divenire adulte compiono, come già detto, il loro ciclo vitale in acqua. La priorità delle nostre “buone azioni” deve prevedere la rimozione di tutti i ristagni presenti all’interno e all’esterno dell’abitazione.
Solamente in caso di necessità e in particolari situazioni, potranno essere eseguite disinfestazioni contro gli adulti di questo fastidioso insetto, considerando bene sia il contesto in cui ci si trova sia i prodotti a minor impatto ambientale.

Noi di Me.di.Rat offriamo a Palermo ed in tutta la provincia un servizio professionale di disinfestazione da zanzare e tutti gli animali infestanti che possono nuocere alla salute, a Palermo e non solo.
CONTATTACI!