topi dei tetti

Topi dei tetti

Rattus Rattus

E´ il ratto comune o ratto nero o ratto dei tetti o ratto delle navi.
Vive attualmente in Europa, Africa, Asia, ed in Indonesia, é lungo da 16 a 18 centimetri ed ha una coda lunga intorno ai 20 centimetri, ma in alcuni luoghi assume dimensioni superiori fino a 35 centimetri.
Il suo peso varia tra i 130 ed i 180 grammi e solo a volte arriva ai 220 grammi. Il colore della pelliccia é grigio scuro o grigio-nero sul dorso, a volte con sfumature azzurrognole o marrone, mentre a volte é nettamente nero; il colore del ventre é grigio bianco.
Ha orecchie grandi, sottili, senza peli, trasparenti, color carne, lunghe la meta della testa, cioé circa 22 millimetri, il muso é appuntito, le zampe sono di colore marrone chiaro, la coda é grigio scura, con 260 anelli squamosi.
Il ratto nero emette escrementi sparsi, a forma di piccola banana; non nidifica, vive di solito al chiuso e raramente si trova nelle fogne. Emette voci varie che possono andare da squittii a pigolii; quando é irritato emette brontolii.
E´ verosimilmente originario dell´Asia meridionale, da dove avrebbe raggiunto il bacino del Mediterraneo e successivamente l´Europa centrale.
Una volta l´animale era prevalentemente arboricolo ed abitava le foreste, ma attraverso le navi ed i viaggi in mare si sarebbe diffuso ovunque e si sarebbe abituato ad un genere di vita diverso.
Essendo un ottimo arrampicatore riesce a camminare lungo le funi degli ormeggi, e se cade in acqua riesce anche ad essere un eccellente nuotatore.
Oggi riesce a frequentare tranquillamente le case dell´uomo dove alloggia prevalentemente negli ambienti asciutti quali i granai ed i solai. La sua presenza é rilevata da un odore sgradevole perché il ratto é abituato a marcare il proprio passaggio con urine ed escrementi che vengono spalmate e levigate come cera, dalle zampe e dai peli del ventre. Il ratto percorre sempre queste piste scivolando su queste come su dei binari. Altro suo ambiente di vita sono i porti ed i magazzini di questi.
Oggi la sua presenza é sempre piu rara e molti ritengono che sia stato soppiantato dal ratto delle chiaviche che, come vedremo, é arrivato successivamente dall´Asia temperata.
Molti ritengono che il ratto nero sia oggetto oggi dei pasti del ratto di chiavica, in conseguenza di un noto fenomeno di cannibalismo che vige nel regno dei ratti.
Tale tesi viene pero messa in dubbio perché il ratto nero comincia nuovamente a diffondersi senza incontrare ostacoli e riprende possesso dei vecchi habitat in cui nel frattempo si sono insediati i ratti delle chiaviche.

Noi di Me.Di.Rat Service offriamo a Palermo ed in tutta la Sicilia un servizio professionale di derattizzazione da tutti i tipi di roditori a Palermo. Contattaci subito